Boston Celtics, storia di una delle migliori franchigie NBA

B

La storia di una delle dinastie più vincenti di tutti i tempi in NBA, che nella sua storia può contare nomi del calibro di Larry Bird, Bill Russell, pur se per una stagione quello di Shaquille O’Neal e quello delle attuali stelle Jason Tatum e Jaylen Brown.

NOTA: con questo post inizia la collaborazione di Matteo Cristofori con Sport One. Una nuova, giovanissima voce si aggiunge quindi ai “vecchietti” che siete ormai abituati a leggere su questo blog; con tutta la passione della sua età ci racconterà storie di basket NBA e Moto GP. Benvenuto Matteo, con il sincero augurio che queste pagine possano essere il “playground” della tua scrittura.
(G. Puzzo)

Boston Celtics, un nome che non ha bisogno di essere presentato, una delle due franchigie, insieme ai Los Angeles Lakers ad aver vinto 17 titoli: 1957, 1959, 1960, 1961, 1962, 1963, 1964, 1965, 1966, 1968, 1969, 1974, 1976, 1981, 1984, 1986, 2008. Tra queste due una sola differenza: i Celtics ci sono da sempre e hanno scritto pagine indelebili della storia di questo sport. Insieme ai New York Knicks e ai Golden State Warriors sono infatti le uniche squadre a far parte della NBA dalla sua fondazione, nel 1946; il nome Boston Celtics deriva dal loro fondatore Walter Brown, che voleva ricordare i tanti irlandesi presenti a Boston in quel periodo. Un altra curiosità è che i Celtics giocano da sempre al TD Garden, si può dire che sono nati per giocare proprio li e riempire i buchi di calendario lasciati liberi dagli altri sport.

Nel 1956 la prima svolta della loro storia coincide con l’arrivo di Red Auerbachdel, uno dei migliori allenatori del momento, ma soprattutto del giocatore con più titoli di tutti i tempi in NBA Bill Russell (11 titoli in 13 anni) di cui 2 (gli ultimi) vinti da allenatore giocatore.

Nel 1969 arriva la fine della prima vera importante era Celtics per il ritiro di Bill Russell; negli anni ’70 riescono lo stesso a portare a Boston 2 titoli grazie al formidabile John Havliecek.

All’inizio degli anni ’80 inizia l’era moderna del basket americano, quello che conosciamo tutti noi grazie all’arrivo di K.C. Jones sulla panchina, che porterà 2 titoli, e della super star Larry Bird; grazie a lui altri tre titoli prendono presto la direzione di Boston. Qui ha inizio una delle più belle rivalità di tutti i tempi, quella tra Lakers e Celtics, che si scontreranno in svariate finali in quegli anni “80, per l’esattezza 3 volte, ma numerosi sono gli scontri sul campo durante la stagione regolare. Celtics che fino al 1996 non cambiano nulla tranne il logo, giungendo a quello attuale che conosciamo oggi.
Per diversi anni i Celtics non coglieranno risultati di rilievo, spesso a causa delle brutte partenze in regular season che finiranno per pregiudicarne il cammino; nel 1993 ci si metterà anche la sfortuna, privandoli improvvisamente, in una stagione che sembrava molto promettente, della loro stella Reggie Lewis, morto in allenamento per attacco cardiaco a soli 27 anni. L’ultimo anello risale al 2008, proprio contro i Lakers, grazie soprattutto a Kevin Garnett, Ray Allen e all’MVP stagionale Paul Pierce.

Boston attualmente è prima nella Eastern Conference con 35 vittorie e solo una sconfitta in casa, chissà che non sia questo l’anno giusto grazie anche al coach Joe Mazzulla e alla super star Jason Tatum.

Autore

Matteo Cristofori

Un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Benvenuto Matteo in SportOne, ti auguro buona fortuna in questa nuova avventura che sono certo, accrescerà la tua voglia di curiosità per quelle che sono le storie dei numeri uno dello sport, in questo caso relativamente la pallacanestro e non solo.

Matteo Cristofori

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie