F1 ’21: anteprima Portimao

F

Si rimane in Europa con trasferimento verso il Portogallo, che torna ad ospitare la Formula 1 per il secondo anno consecutivo, dopo il ritorno della passata stagione.

Dopo Imola ancora una new-entry rispetto alla bozza del calendario 2021, col ritorno col Gran Premio del Portogallo, che va ad inserirsi come terza gara in calendario dopo l’aggiornamento dei primi appuntamenti per i fatti della pandemia.
L’anno scorso fu un dominio del binomio Mercedes-Hamilton, ma stavolta la lotta per la vittoria sarà aperta anche alla RedBull, un bene per lo spettacolo visto l’inaspettato equilibrio che al momento (sono state disputate solamente due gare) c’è tra Verstappen ed Hamilton.
Di riflesso servirà anche l’apporto dei compagni di squadra: alla Mercedes serve una risposta da un Bottas apparso in ombra, mentre Perez è chiamato ad essere una seconda punta oltre che un importante perno per il compagno di squadra Verstappen.
In tempi record i meccanici Mercedes sono riusciti a salvare la power-unit di Bottas, danneggiata ad Imola nell’incidente con Russell, sicuramente una buona notizia anche se l’importo della riparazione dei danni potrebbe limitare gli sviluppi nel breve periodo della W12, considerato il budget cap che impone dei limiti di spesa, voce a bilancio con cui tutti i team devono e dovranno fare i conti.
La terza gara sarà l’occasione per iniziare a delineare meglio anche il duello relativo al ruolo di terza forza, che al momento vedere protagoniste McLaren e Ferrari, con Norris splendido protagonista ad Imola mentre Leclerc e Sainz sono apparsi più concreti come squadra sul passo gara.
Lo spagnolo della Ferrari nei giorni scorsi ha girato a Fiorano con la SF71H di tre anni fa, per prendere maggiore confidenza con le procedure interne del team,

sfruttando la stessa monoposto a disposizione dell’Academy affidata anche a Mick Schumacher (ricordiamo quest’anno all’esordio in F1 alla Haas) e Callum Illot.
Da capire cosa vorrà fare da grande l’Aston Martin, al momento la squadra che ha sofferto maggiormente le modifiche regolamentari all’aerodinamica, con Vettel chiamato a migliorare drasticamente il proprio rendimento rispetto alle recenti apparizioni, mentre la sensazione sull’Alpha Tauri è che non abbia espresso pienamente il suo potenziale, così come l’Alpine, indietro rispetto alle prestazioni del passato campionato con solamente tre punti nelle prime due gare.
Infine l’Alfa Romeo che cercherà di farsi trovare pronta con Raikkonen e Giovinazzi a cogliere qualsiasi occasione utile per entrare in top-ten, lo stesso dicasi per Williams e Haas, che oltre a far maturare l’esperienza dei piloti hanno come obiettivo quello di scrollarsi dall’attuale ultimo posto nella classifica costruttori.
Infine alcune novità di questi giorni.
Ufficiale il format delle gare sprint al sabato previste già nell’attuale campionato in tre appuntamenti da stabilire, mentre si conferma lo stretto rapporto di collaborazione tra Alfa Romeo e Ferrari, con l’approdo (in Alfa) di Callum Ilott nel ruolo di secondo pilota di riserva.
Il programma del weekend.
Venerdì 30 aprile
(I sessione di prove libere – ore 12;30)
(II sessione di prove libere – ore 16;00

Sabato 1 maggio
(III sessione di prove libere – ore 13;00)
(Qualifiche – ore 16;00)
Domenica 2 maggio
(Gara – ore 16;00)

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie