Il 2022 di SportOne (Aprile)

I

La primavera dello sport italiano è innanzitutto segnata dall’apertura degli impianti sportivi outdoor per il massimo della capienza come non accadeva da due anni. Fase finale della stagione calcistica, entra nel vivo quella del ciclismo con importanti vittorie azzurre al femminile e tanto motorsport.

Stadi finalmente aperti per la totalità della capienza

L’andamento della pandemia consente di allentare le restrizioni nel territorio nazionale, dopo due anni termina il cosiddetto stato di emergenza e di conseguenza sono meno stringenti le misure sociali che coinvolgono anche lo sport.
Per le strutture all’aperto finisce il limite della capienza, finalmente ampliato al 100% della disponibilità, mentre sale al 75% quella nel chiuso dei palazzetti.
Per l’accesso negli impianti sportivi non è più necessario il Super Green Pass rilasciato alle sole persone vaccinate, è sufficiente il Green Pass base, resta obbligatorio indossare le mascherine FFp2.

La lotta per lo scudetto del campionato italiano, a poche giornate dal termine, vede coinvolte Milan e Inter distanti pochi punti tra loro, scivola il Napoli perdendo terreno mentre la Juventus non riesce ad avere continuità nel momento probabilmente decisivo.
Caldissima la zona retrocessione, con l’eccezionale rimonta della Salernitana che rende per nulla scontata la graduatoria degli ultimi tre posti che sanciscono le retrocesse in Serie B.
Prosegue la Coppa Italia, le finaliste sono Inter e Juventus che battono rispettivamente Milan e Fiorentina.
In ambito europeo il Lipsia elimina l’Atalanta dall’Europa League, l’unica italiana resta la Roma che batte il Bodo/Glimt e accede alle semifinali di Conference League, in Champions League vanno avanti due formazioni inglesi (Manchester City e Liverpool) e spagnole (Villareal e Real Madrid).
Nella storia della massima competizione europea per club, Carlo Ancelotti allenatore dei madrileni, si qualifica per l’ottava volta in semifinale, unico tecnico a farlo in quattro decenni diversi.
Ancora record nel calcio femminile, i 91.648 spettatori al Camp Nou per la semifinale di Champions League tra Barcellona e Wolfsburg rappresentano il numero più alto di spettatori.
Primi verdetti nei maggiori campionati europei di calcio, in Bundesliga vince ancora una volta il Bayern Monaco, in Francia la Ligue 1 è del Paris Saint Germain tuttavia in un clima surreale vista la decisione del tifo organizzato di abbandonare lo stadio in segno di protesta per aver fallito i grandi

obiettivi di stagione, tra tutti la Champions League.
In Spagna la Coppa del Re è per il Betis Siviglia che batte ai rigori il Valencia.

Tanto ciclismo internazionale.
Nel Giro delle Fiandre vittoria di Van der Poel, si corre l’Amstel Gold Race vinta da Michal Kwiatkowski, storica prima affermazione italiana nella versione femminile per Marta Cavalli.
Strepitosa Elisa Longo Borghini che si aggiudica la Parigi-Roubaix, tra gli uomini affermazione per Dylan Van Baarle.
Il trittico delle Ardenne prosegue con la Freccia Vallone vinta da Dylan Teunes allo sprint su Alejandro Valverde, vincitore della stessa corsa per ben quattro volte; l’azzurra Marta Cavalli vince la stessa corsa al femminile.
Infine alla Liegi-Baston-Liegi vince Remco Evenepol.
Torna il Giro di Sicilia aggiudicato da Damiano Caruso.

Per il tennis si gioca il Master1000 di Montecarlo, dove Sinner sfiora l’accesso in semifinale sconfitto ai quarti solamente al tie break del terzo set da Zverev, si conferma campione Tsitsipas.
In vista del torneo di Wimbledon arriva la decisione presa in accordo col Governo circa l’esclusione dei tennisti russi e bielorussi, che riguarda quattro giocatori Top30 Atp e 5 Top15 Wta.

Prima fase del motorsport.
Per la MotoGp in Argentina arriva la prima storica vittoria dell’Aprilia con Aleix Espargarò, in Moto2 successo di Celestino Vietti, in Moto3 secondo posto per Dennis Foggia. Ancora soddisfazioni italiane nella successiva trasferta di Austin, in MotoGp vince Bastianini,Moto2 per Tony Arbolino, in Moto3 sul podio Foggia e Migno.
In Portogallo per la classe regina vittoria di Quartararo, seconda posizione per Vietti in Moto2 che resta saldamente al comando della classifica generale.
La Formula 1 torna a Melbourne dove arriva il bis di Leclerc che allunga in classifica piloti per il concomitante ritiro di Verstappen, ad Imola arriva il pronto riscatto delle Red Bull che vincono tutto quello che c’è da vincere (gara spint, Gran Premio e giro più veloce in gara), accorciando sensibilmente le classifiche dopo il ritiro di Sainz, mentre Leclerc non va oltre il sesto posto.

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie