MLB playoff ’16: super Jays, 10-1 ai Rangers!

M

bautistaI Divisional Round dell’American League sono iniziati con due partite, vinte da Toronto e Cleveland rispettivamente su Texas e Boston. Clamoroso il risultato di Arlington, con i Rangers spazzati via 10-1 davanti al loro pubblico dal devastante attacco dei Toronto Blue Jays e dalla magistrale partita di Estrada, il partente dei canadesi. Il suo omologo, l’ex Cy Young Cole Hamels, ha invece offerto la peggior prova dell’anno, riuscendo a tenere in piedi la partita solo per due inning.

Nel terzo Hamels è crollato miseramente, concedendo quattro valide (tra cui un triplo a Tulowitzki e un doppio a Donaldson), due walk e quattro punti, conditi anche da un wild pitch e da una “quasi mostruosità” sull’ultimo out dell’inning, quando ha quasi fallito anche un’elementare assistenza in prima. Crisi passeggera? Nemmeno per sogno, visto che il quarto attacco di Toronto si è aperto con il fuoricampo di Upton jr. Da lì in poi la partita è diventata poco più di una passeggiata per i Blue Jays, che hanno controllato comodamente, lasciandosi solo il tempo per la vendetta personale del fischiatissimo Bautista (per i fatti dei playoff dello scorso anno raccontati nel post precedente), che ha scaraventato fuori dallo stadio un home run da tre punti. Il mesto punto della bandiera per i Rangers è stato segnato al nono da Andrus.

Di ben altro spessore e pathos la gara uno di Cleveland, dove sono volati home run come se piovesse (ben sei, tre per parte) ed a spuntarla è stata proprio la “tribe” per 5-4, grazie soprattutto a una prova complessivamente migliore del proprio mound. Boston è stata tradita innanzitutto dal suo partente, Porcello, che avrebbe dovuto garantirle ben più delle quattro riprese e un terzo che ha lanciato. Disastroso, in particolare, il suo terzo inning, dove ha concesso tre homer sui primi quattro battitori affrontati; dopo di lui, Pomeranz è partito maluccio (singolo a Kipnis e doppio per ground rule a Mike Napoli) ma poi è riuscito a imbrigliare l’aggressività dei giovani leoni di Cleveland. Dall’altra parte, Bauer è partito lento come al solito, ma poi è andato in crescendo e, soprattutto, dopo di lui è venuto Miller, autore di due riprese straordinarie che hanno raffreddato le velleità di rimonta dei Red Sox. Il 5-3 ha tenuto fino al fuoricampo di Holt all’inizio dell’ottavo, e il pareggio è sembrato quasi cosa fatta poco dopo, quando Ortiz ha piazzato un doppio e il suo pinch runner è arrivato fino in terza per scelta difesa, ma lì è stato fatale lo strikeout incassato da Bogaerts per mano di Allen, che ha poi chiuso anche il nono.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie