NFL ’19: week 5, capolavoro Wilson nello show di Seattle

N

Con quattro td pass Russell Wilson trascina i Seahawks alla vittoria contro i Rams nello scoppiettante anticipo del quinto turno; L.A. ribatte colpo su colpo ma l’errore di Zuerlein a 11″ dalla fine la condanna. Nei match della domenica, grande vittoria dei Packers a Dallas; nel Monday Night gli imbattuti 49ers asfaltano Cleveland.

Programma alla mano, ci eravamo ripromessi di seguire più da vicino tre partite, e nessuna delle tre ci ha deluso, anche se per motivi diversi tra loro. La più appassionante è stata certamente la prima in ordine cronologico, cioè l’anticipo di giovedì che ha visto la palpitante vittoria dei Seahawks sui Rams per 30-29. Molti duelli di altissimo profilo, a cominciare dai due qb Wilson e Goff, poi i due rb Gurley e Carson ed infine i ricevitori, con Lockett eroe di giornata per una presa in end zone al di là delle possibilità umane. La partita è stata splendida, con entrambe le contendenti ben decise a non mollare una yard: 0-6 L.A. con due field goal, ma Seattle ribalta tutto con il td di Lockett e allunga fino al 14-6. I Rams rispondono con due td, Goff per il 14-13 e Gurley per il 14-20, ma gli Hawks sorpassano di nuovo con Moore (21-20).

Gurley concede il bis, ma i suoi compagni non concretizzano la trasformazione da 2 punti (21-26); un field goal per parte porta tutti al 24-29 nell’ultimo periodo, quindi Carson vola in end zone per il 30-29 (anche qui conversione da 2 punti sbagliata). Uno strepitoso intercetto di Thompson regala a Goff l’ultimo drive: l’attacco dei Rams arriva fino alle 34 yard dalla end zone, a 11″ dalla fine tutto passa per il calcio di Zuerlein che però fallisce dalle 44 yard, chiudendo il match.
Tra i match della domenica, spiccava quello di Dallas tra Cowboys e Packers, entrambi reduci da sconfitte nell’ultimo turno. Il primo tempo è tutto di Green Bay, che va al riposo sul 17-0, grazie soprattutto a uno strepitoso Jones, rb sottovalutato che alle fine avrà segnato ben tre td. Dall’altra parte, Prescott combina pasticci in serie (gli intercetti saranno 3, alla fine), e Elliott non incide minimamente. Chi si aspetta una

riscossa dei Cowboys nel terzo periodo resta deluso: i Packers allungano fino al 31-3 prima di abbassare il ritmo. Dallas risale fino al 31-17, poi l’ultimo intercetto di Prescott chiude i giochi. Ottima vittoria dei Packers e figuraccia dei Cowboys, che dopo la buona partenza si sono sciolti contro i primi due avversari di livello (Saints e Packers, appunto).
Infine, c’è da raccontare di questi sempre più sorprendenti 49ers, unici imbattuti insieme ai Patriots (ma con una partita in meno). Il 31-3 finale è il giusto specchio dello strapotere, innanzitutto fisico e motivazionale, visto in campo dal primo all’ultimo secondo di gioco e da entrambi i lati del pallone. In attacco Breida e Coleman hanno tagliato a fette la difesa dei Browns, consentendo a Garoppolo di limitarsi all’ordinaria amministrazione o poco più. In difesa la linea ha spadroneggiato con 4 sack, Bosa in testa, e dietro Sherman si è fatto carico della regia del reparto, concedendosi anche il lusso di un intercetto. La strada è ancora lunga (e la division complicatissima), ma dopo trent’anni di attesa ci voleva una partenza così per ridare fiato a una tifoseria avvilita. E domenica prossima per i 49ers c’è l’esame di laurea: la trasferta a Los Angeles per lo scontro diretto con i Rams.

Nelle altre partite della domenica, spicca la caduta casalinga dei Kansas City Chiefs con gli Indianapolis Colts (13-19). I Chiefs hanno il parziale alibi di un Mahomes a mezzo servizio, ma resta il fatto che si sono fatti irretire dal football “East Coast” dei Colts, che ha fatto registrare ben 45 giochi di corsa. Nella partita giocata a Londra, nello stadio del Tottenham, sono caduti un po’ a sorpresa i Bears, battuti 24-21 dagli Oakland Raiders, che non riescono ancora ad essere dei convincenti rivali di division per i Packers. Chi invece vince e convince sono gli Eagles, 31-6 sui Jets, e i Saints, ancora senza Brees, che la spuntano 31-24 sui Buccaneers. Terza vittoria consecutiva dei Panthers, pur privi di Newton, con un 34-27 sui Jaguars, e successo anche per i Bills, 14-7 sui Titans, che dimostrano di essere tra i più solidi contendenti per una wild card nella AFC. Prosegue la stagione nera degli Steelers, battuti in casa in overtime dai Ravens 23-26, con un grande Tucker che prima segna il field goal del pareggio da 48 yard e poi quello della vittoria da 46. Infine, festival delle difese allegre a Houston, dove i Texans battono i deludentissimi Falcons 53-32, mentre a Washington è saltata la prima panchina, quella di Jay Gruden; tutto il mondo è Milan, in fondo.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie