NFL Playoff ’22: è già tempo di Wild Card

N

Appena archiviata la regular season, con gli immancabili licenziamenti di molti coach eliminati, è già tempo di tuffarsi nel primo turno dei playoff, quello delle Wild Card. Sei match ad eliminazione diretta in tre giorni, non a caso da molti considerato il più bel weekend sportivo dell’anno.

Si avvicina a grandi passi quello che da molti appassionati di football è giustamente considerato il weekend più bello dell’anno, quelle delle Wild Card, primo turno dei playoff NFL. Un weekend che, per la prima volta nella storia, vivrà anche un prolungamento nel lunedì, con il Monday Night di Los Angeles tra Rams e Cardinals. Sei partite in tre giorni (due sabato, tre domenica e il suddetto Monday Night), tutte ad eliminazione diretta com’è caratteristica unica dell’intera post season del football nel panorama dello sport professionistico statunitense. Niente serie al meglio delle cinque o sette partite, scordatevi il pareggio: chi vince prosegue la sua corsa verso il Super Bowl, chi perde va in vacanza. Il tabellone è solamente diviso tra le due conference, ma non è bloccato (come quello del tennis, per capirci), visto che gli incroci del Divisional Round (il secondo turno) dipenderanno dai risultati delle Wild Card; nella NFC, ad esempio, i Packers sono la prima testa di serie e godono di un bye al primo turno, ma l’unica cosa certa è che al secondo affronteranno a Green Bay la peggior testa di serie tra quelle sopravvissute al Wild Card weekend, quindi entro un arco che va dagli Eagles #7 ai Rams #4, passando per i 49ers #6 e i Cardinals #5. Inutile quindi, oltre che dannoso, far previsioni a lungo termine; per ora l’orizzonte di tutti termina al prossimo weekend, poi si vedrà. Andiamo quindi a vedere (e prevedere) quel che accadrà nelle Wild Card.

SABATO
CINCINNATI BENGALS – LAS VEGAS RAIDERS

Si sono incontrate nell’undicesimo turno di regular season, con una vittoria netta (32-13) dei Bengals in trasferta, mentre nei playoff non incrociano le loro strade dal 1991 (lì vinsero i Raiders). Cincinnati ha una storia da super perdente nella post season, ma stavolta credo abbia almeno i favori del pronostico, e non solo perché giocherà in casa. Ha più talento e giocatori giovani e smaniosi di lasciare subito il segno, soprattutto in attacco con Burrow e Chase, mentre i Raiders visti domenica contro i Chargers, pur vincitori, non mi hanno impressionato. I californiani hanno sicuramente dalla loro l’esperienza, sia in attacco con Carr che in difesa con la pass rush di Crosby. Se dovesse nascere una partita chiusa, insomma, diventano favoriti loro, mentre se cominciano a volare punti è difficile stare dietro al passing game di Cincinnati.
BUFFALO BILLS – NEW ENGLAND PATRIOTS
Sarà il terzo match stagionale tra le due rivali di division; finora una vittoria a testa, sempre della squadra in trasferta. Si giocherà sotto la neve e in un clima quasi polare, che paradossalmente potrebbe limitare la superiorità di Josh Allen, qb dei Bills, rispetto al dirimpettaio rookie Mac Jones. Se il match dovesse farsi “brutto, sporco e cattivo” come il secondo, giocato appunto sotto la neve, i Patriots hanno un miglior running game e una miglior difesa. E poi hanno Bill Belichick, che di solito le partite alla sua portata non le sbaglia.

DOMENICA
TAMPA BAY BUCCANEERS – PHILADELPHIA EAGLES
Sulla carta non c’è partita, ben più del 28-22 con cui i Bucs vinsero alla sesta giornata. Tampa è campione uscente, è una squadra anziana costruita proprio per i playoff e Brady, già reduce da una stagione sensazionale, alzerà ulteriormente il proprio livello. In più, dovrebbero rientrare alcuni infortunati importanti, come Fournette e Barrett. Gli Eagles hanno già fatto un mezzo miracolo a qualificarsi.
DALLAS COWBOYS – SAN FRANCISCO 49ERS
Partita apertissima, dal pronostico pressoché impossibile, soprattutto a causa dell’incostanza pazzesca dell’attacco texano. Se Prescott, Elliott & co. girano come nelle giornate migliori possono fare sconquassi tra le secondarie dei 49ers; se accade il contrario, la pass rush di Bosa e Armstead può azzerare le ambizioni di Dallas. Interessantissimi anche gli scontri dall’altro lato dell’ovale, con Garoppolo, Samuel e Kittle che dovranno vedersela con Trevon Diggs, re degli intercetti nel 2021 (11 per 142 yard ritornate e 2 td), e Micah Parsons. Il cuore dice 49ers, naturalmente, ma la testa pensa che i Cowboys siano più pronti per questo genere di partite.
KANSAS CITY CHIEFS – PITTSBURGH STEELERS
Il loro ultimo scontro diretto, giocato lo scorso 26 dicembre, si è risolto in un massacro: 36-10 per i Chiefs. E non ci sono elementi validi per sostenere che la situazione si sia ribaltata in queste due settimane. I Chiefs corrono per il titolo, inutile nascondersi, mentre gli Steelers hanno agganciato il treno dei playoff all’ultimo soffio, anche grazie alla sportività dei Raiders contro i Chargers. Pittsburgh darà battaglia, questo è certo, lo deve alla sua storia e alla sua bandiera, Ben Roethlisberger, che si ritirerà a fine stagione. Quindi, probabilmente, lunedì.

LUNEDI’
LOS ANGELES RAMS – ARIZONA CARDINALS

Partita apparentemente molto equilibrata, visto che le due squadre si sono divise la posta nei due match giocati in regular season (sempre con vittorie esterne). Credo però che in ottica playoff le cose cambino radicalmente, visto che nello specifico la bilancia dell’esperienza pende decisamente dalla parte dei Rams, soprattutto in difesa con le stelle Donald, Miller e Ramsey. In attacco Arizona ha talento e sostanza, ma il Murray visto nelle ultime settimane sembra tornato quello confusionario e pasticcione degli anni scorsi, dopo gli splendidi mesi della prima parte di questa stagione. Certo, i Rams devono giocare con più continuità, senza sedersi dopo un tempo come fatto con i 49ers. L’hanno pagata a caro prezzo, scalando di due teste di serie; spero per loro che abbiano imparato la lezione.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie