NFL week 14 – Panthers spettacolo e una marea di infortuni

N

Divisional Playoffs - Indianapolis Colts v New England PatriotsC’è un unico, doloroso filo comune che unisce molte partite di questo quattordicesimo turno: quello degli infortuni. Un fattore che nel football, sport di contatto per eccellenza, è sempre stato importante, ma che in questa stagione sta spostando alcuni equilibri che, a infermerie vuote, parevano consolidati. E così Cincinnati cade quasi senza lottare a Pittsburgh dopo aver perso per strada due pezzi da novanta del proprio attacco, Dalton ed Eifert; Seattle (alla quarta vittoria di fila) strapazza Baltimora ma perde anche Rawls dopo Lynch, ovvero i suoi due running back; stessa storia per New England, che recupera Amendola e Gronkowski ma perde per tutta la stagione Blount, restando talmente sguarnita sul fronte running back da essere costretta a pescare dalla lista dei disoccupati l’ex Broncos Ball per provarlo nella practice squad. Un percorso a ostacoli, insomma, che se da una parte tiene appeso al filo ogni pronostico, dall’altra abbassa il livello complessivo del gioco, mandando in campo alcuni giocatori non ancora pronti per la NFL.

Chi non conosce ostacoli, finora, è Cam Newton, che con i suoi Carolina Panthers resta ancora imbattuto umiliando 38-0 degli inguardabili Falcons. Partita già finita dopo tre quarti: troppo sicuri di sé i padroni di casa a fronte di una squadra che si sta sgretolando, giunta alla sesta sconfitta consecutiva. I Panthers devono solo stare attenti a non cedere al troppo entusiasmo, perché il risveglio potrebbe essere brutale e le grandi sfide devono ancora arrivare. Intanto, devono fare i conti anche loro con due infortuni, fortunatamente lievi, a due uomini chiave come Olsen e Kuechly. Domenica prossima andranno a New York, contro gli imprevedibili Giants di Manning e Beckam jr.: potrebbe essere un’altra passeggiata o una partita rognosa, dipende con che piede scenderanno dal letto i padroni di casa…

Settima vittoria di fila per i Chiefs, che in casa hanno regolato in una partita molto noiosa i modesti Dolphins per 10-3, e settima anche per gli Arizona Cardinals, venuti fuori bene dalla partita della settimana, quella che li vedeva ospitare i Minnesota Vikings. I Cardinals non sono stati brillantissimi in attacco, anche per merito della difesa ben organizzata che avevano di fronte, ma i sistematici blitz della loro difesa hanno progressivamente tolto fiato e spazio alle corse di Peterson (a poco è servito il suo trucco di partire diverse yard indietro per leggere meglio i bloccaggi) e ai lanci di Bridgewater, che ha macchiato le sue comunque ottime 335 yard con il fumble finale che ha tolto ai Vikings la possibilità del field goal del pareggio.

I Patriots hanno dimostrato con una prova coralmente sontuosa di aver già dimenticato la partita buttata via con gli Eagles, andando a vincere 27-6 a Houston. Chi si aspettava (come il sottoscritto) una partita incerta, con Brady e soci messi all’angolo dalla più pericolosa coppia di pass rusher della lega, Watt-Clowney, ha dovuto ricredersi di fronte alla sagacia tattica di Bill Belichick, che ha raddoppiato sistematicamente i bloccaggi, specie su Watt, e che ha fatto lanciare a Brady un’infinità di traiettorie corte giusto negli spazi lasciati liberi dai continui blitz dei due. A questo aggiungete l’attacco dei Texans, di una pochezza tecnica sconcertante, e ne otterrete una partita a senso unico, in cui il qb di casa, Hoyer, è stato prima abbandonato dai suoi ricevitori e poi brutalizzato dai difensori avversari, fino ad essere costretto a rientrare anzitempo negli spogliatoi con un sospetto trauma cranico. Domenica altra passeggiata per i Pats, che ricevono i fragili Titans, sconfitti 30-8 dai Jets, alla terza vittoria di fila e ben in corsa per i playoff.

Denver cade a sorpresa in casa propria di fronte ai Raiders, dimostrando come non si debba mai abbassare la guardia in questo campionato. Osweiler parte bene, i Broncos salgono 12-0 ma proprio lì commettono l’errore fatale di considerare già chiusa la pratica. Il backup di Manning cincischia troppo con la palla in mano, sempre alla ricerca di big play, e finisce per prendere un fumble e una safety, che ridanno fiducia a Oakland, capace di segnare 15 punti di fila e sbancare il Colorado. Oggi è tornato ad allenarsi Peyton Manning, ma per domenica prossima il suo impiego a Pittsburgh è fuori discussione.

Tra le altre gare, spicca il clamoroso 51-16 con cui i Jaguars hanno asfaltato i Colts, ancora privi di Luck, e il 28-7 con cui Green Bay, stavolta senza far rischiare infarti ai suoi tifosi, ha regolato Dallas, che sarà protagonista sabato di un interessante anticipo contro i Jets. Steelers-Broncos e Cardinals-Eagles chiudono il breve elenco di partite interessanti previste per il prossimo turno.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie