Stanley Cup Finals ’23: Panthers sfiniti, Vegas domina gara 5 ed è campione!

S

Il quinto match della finale dura solo un tempo e mezzo, poi i Golden Knights prendono il largo con 4 reti in meno di 10′ e l’ultimo periodo è solo una formalità. Vegas trionfa 9-3 e vince per la prima volta nella sua storia la Stanley Cup. Il capitano Mark Stone, autore di una tripletta nell’ultimo match, premiato come MVP dei playoff.

Mark Stone, capitano degli Knights, solleva la Stanley Cup

L’ultimo atto di queste Finals 2023 dura solo 30 minuti, un periodo e mezzo, prima di trasformarsi nel “de profundis”, forse perfino crudele nei numeri, di una squadra, Florida, completamente svuotata di energie dopo averci provato fino all’ultimo secondo di gara 4 e priva stanotte del suo cannoniere, Matthew Tkachuk. I Vegas Golden Knights, alla decima stagione NHL della loro storia, sollevano la prima Stanley Cup e lo fanno davanti al loro pubblico in delirio, dopo una gara cinque filata via senza troppi patemi, senza che i fantasmi di una remota rimonta potessero mai materializzarsi sul ghiaccio. Colpa delle condizioni dei Panthers di cui sopra, certo, ma soprattutto merito di un gruppo maturo, costruito dal front office di Vegas a suon di cessioni di prime scelte per poter competere subito al top, pieno di stelle e fortunato a trovare nel suo quarto portiere, Adin Hill, l’eroe inatteso di questi playoff.
La partenza di gara cinque è tutta dei Panthers, aggressivi e feroci come nei momenti migliori, ma l’assenza di Tkachuk pesa molto, in termini di qualità nell’ultimo terzo di campo. Per vedere la prima occasione di Vegas bisogna attendere 5’40”,

ma è la prima rete a incrinare fortemente la grinta degli ospiti: l’1-0 lo sigla Stone in inferiorità numerica, spedendo lungo sul ghiaccio il suo marcatore con una finta da vedere e rivedere. Mancano 8′ alla prima sirena, ma Florida accusa il colpo e Vegas ne approfitta per raddoppiare, 2′ dopo, con Hague in mischia. I Panthers tengono accesa la speranza con il 2-1 di Ekblad dopo 2’15” del secondo periodo, cui seguono 8′ di grande equilibrio. La partita si spezza a 9’32” dal secondo intervallo, quando Martinez infila nel sette il disco del 3-1 approfittando magistralmente del cambio linee forzato di Florida. Da quel momento fino alla fine ci sarà solo una squadra in campo, i Golden Knights, che segneranno altre sei reti (altre due di Stone per il personale hattrick, Smith, Amadio, Barbashev e Roy), a fronte delle ultime due fiammate d’orgoglio di Florida (Reinhart e Bennett) a partita oramai ampiamente chiusa. Trionfo Vegas, quindi, che incide il suo nome nel gotha dell’hockey, ma un grande applauso lo meritano anche questi Panthers, capaci di “terremotare” il tabellone della postseason fin dal primo turno, eliminando tre ipotetiche “corazzate” come Bruins, Maple Leafs e Hurricanes.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie