Verso Tokyo 202(1)

V

Ormai prossimi alle olimpiadi estive, scopriamo tutte le sedi che ospiteranno le manifestazioni sportive dal 23 luglio all’8 agosto.

Esterno dello stadio olimpico

Manca ormai pochissimo all’apertura dei giochi olimpici dove sotto il profilo della partecipazione, vedremo un deciso passo indietro rispetto ai recenti campionati europei di calcio.
Infatti dopo l’iniziale decisione di aprire le porte degli impianti sportivi ai soli residenti, è arrivato lo stop per quelle se dal punto di vista emotivo rattrista lo spettatore, senza dimenticare quello sportivo nella mancanza di tifo fattore essenziale nello sport, senza dubbio rappresenta un elevatissimo danno economico alle casse nazionali dopo le risorse spese nella realizzazione o ammodernamento degli impianti.
Ad ogni modo lo sport rappresenta un momento di festa, di unione tra le diverse rappresentanze nazionali e soprattutto l’apice per la carriera di un’atleta.
Sono 33 gli impianti che ospiteranno i giochi olimpici in due diverse zone, quella definita dell’eredità dove sono situate alcune sedi che già ospitarono i giochi del 1964, l’altra nella baia di Tokyo oltre da considerare quelli fuori dalla capitale giapponese.

Zona dell’eredità
Nell’area centro-occidentale è situato lo Stadio Olimpico che ospiterà le cerimonie di aperture e chiusura, oltre alle gare di atletica e la finale di calcio femminile. L’impianto polivalente sorge laddove un tempo era situato lo stadio nazionale olimpico, demolito nel 2015 per far posto a quello attuale.
Quello progettato da Kengo Kuma, rappresenta un vero e proprio gioiello dell’architettura contemporanea in linea allo stile giapponese capace di armonizzare col vicino giardino Meijijingu Gaien, segnato dalla presenza del legno di cedro e larice proveniente dalle prefetture del giapponese.
Nei dintorni è situato il Tokyo Metropolitan Gymnasium che ospiterà il tennistavolo, lo Yoyogi National Gymansium sede della pallamano, il Nippon Budakan dove avrà luogo judo e karate, il Tokyo International Forum (sollevamento pesi), il Ryogoku Kokugikan (pugilato), il Musashino Forest Sport Plaza (badminton e pentatlon moderno, scherma), il Tokyo Stadium (calcio, pentathlon e rugby a sette), oltre impianti all’aperto come il parco equestre Baji-Koen e quello Musashino no mori che ospiterà la partenza delle gare di ciclismo su strada.

Baia
Ulteriori quindici impianti sono situati nell’area centro-orientale di Tokyo che comprende le isole artificali di Arieka e Odaiba.
L’elenco comprende l’Arieka Arena (pallavolo), Ariake Gymnastic Centre (ginnastica artistica, ritmo e trampolino), Ariake Urban Sports Park (ciclismo bmx e skateboard), Ariake Coliseum (tennis), Parco marino di Odaiba (triathlon e gare di fondo di nuoto), Parco Shiokaze (beach volley), Aomi Urban Sports Park (arrampicata sportiva e pallacanestro 3×3), Stadio di Hockey di Oi (hockey su prato), Central Breakwater (equitazione cross country), Sea Forest Waterway (canottaggio e canoa kayak di velocità), Kasai Canoe Slalom Centre (canoa e kayak slalom), Parco di Yumenoshima (tiro con l’arco), Tokyo Acquatics Centre (nuoto, tuffi, e nuoto artistico), Tatsumi Water Polo Centre (pallanuoto) e Makuhari Messe (lotta, scherma e taekwondo).

Fuori Tokyo
Come accennato all’inizio, esistono anche impianti fuori Tokyo, come il Parco Odori di Sapporo (maratone e marce), la spiaggia di Tsurigasaki (surf), la Saitama Super Arena (pallacanestro), il poligono di Asaka (tiro a segno e volo), il Kasumigaseki Country Club (golf), la piccola isola di Enoshima (surf), il velodromo di Izu (ciclismo inseguimento), Izu Mtb Course (ciclismo mountain bike), il circuito di Fuji (arrivo delle corse di ciclismo su strada e corse a cronometro) e lo Yokohama Stadium (baseball e softball).

C’è da dire che le competizioni partiranno prima della cerimonia d’apertura, infatti il torneo di calcio partirà due giorni prima l’inaugurazione.
Gli stadi oltre quello olimpico, saranno il Tokyo Stadium, Sapporo Dome (Sapporo), Miyagi Stadium (Sendai), Kashima Soccer Stadium (Kashima), Saitama Stadium (Saitama) e lo stadio internazionale di Yokohama.
Tutti splendidi impianti che purtroppo vedremo vuoti e per questo, abbiamo preferito non segnalare la capienza.
Ad ogni modo, buona Olimpiade a tutti.

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie