F1 ’19: anteprima San Paolo

F

Penultima gara in Brasile, dove nonostante i titoli assegnati e le gerarchie dei team quasi consolidate, l’impegno rimane quello di ottenere la miglior prestazione possibile.

È tempo della “torcida” di Interlagos (quartiere di San Paolo), per un appuntamento sentito dagli addetti ai lavori per l’affetto ed il tifo della gente brasiliana, paese tradizionalmente importante per la F1, basta pensare ai tanti piloti protagonisti come il mito di Ayrton Senna, poi in tempi recenti Massa e Barrichello, senza dimenticare Piquet (tre volte campione ’81-’83-’87) ed Emerson Fittipaldi (campione nel ’72 e ’74). In calendario negli anni ’70 poi tornato nel 1990, ha sempre offerto delle gare interessanti per le caratteristiche miste del tracciato che consentono i sorpassi e spesse volte, per la variabile meteo. Si percepisce dalle statistiche Il profumo di storia e leggenda, con Prost che detiene il maggior numero di vittorie (6), Senna quello delle pole (6), Schumacher il pilota ad essere salito più volte sul podio (10). L’anno scorso vinse Hamilton, seguito da Verstappen e Vettel. Due gare al termine, con i titoli costruttori e piloti già assegnati a favore di Mercedes ed Hamilton, ma nonostante gran parte delle posizioni in classifica costruttori consolidate, restano sempre alte le motivazioni per chi scende in pista, perché ogni gara rappresenta sempre un’occasione ed un’esperienza, con i risultati che fanno sempre morale per l’imminente inverno nella quale i team lavoreranno alle prossime monoposto.

Vale soprattutto per la Ferrari che vuole riscattare la deludente trasferta americana, sulla monoposto di Leclerc dopo i problemi di Austin, verrà montata la quarta power-unit del campionato, che lo costringerà ad una penalità sulla griglia di partenza. Vuole concludere bene la RedBull in crescita nell’ultima periodo, con Verstappen che proverà a dare fastidio a chi sta davanti, ed Albon fresco di conferma per la prossima stagione. La McLaren conquistando sette punti in più della Renault sarà certa del quarto posto, mentre è interessante seguire la lotta per il sesto posto tra Racing Point (Perez in gran forma) e Toro Rosso (confermati Kvyat e Gasly per il prossimo campionato) distanti solamente un punto. All’Alfa Romeo che ha confermato Giovinazzi per il 2020, serve dare un senso a questa parte di stagione decisamente in affanno con tre punti nelle ultime sette gare, ragionamento analogo per le Haas ormai davanti solo alla Williams.
Il programma del week-end (ora italiana):
Prove libere 1 (venerdì 15 novembre – ore 15;00/16;30)
Prove libere 2 (venerdì 15 novembre – ore 19;00/20;30)
Prove libere 3 (sabato 16 novembre – ore 16;00/17;00)
Qualifiche (sabato 16 novembre – dalle ore 19;00)
Gara (domenica 17 novembre – dalle ore 18;10)

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie