F1 ’19: sempre Mercedes anche in Francia

F

Tra il respingimento della richiesta di revisione post Canada e la solita vittoria Mercedes, in una gara abbastanza noiosa la prestazione della McLaren e la consistenza di Leclerc hanno dato un sussulto.

Il week-end di Le-Castellet iniziato col respingimento degli elementi presentati dalla Ferrari, a supporto della richiesta di revisione sulla penalità di 5 sec. che costò a Vettel la vittoria nel precedente Gran Premio del Canada, escluso i pochi sussulti nelle ultime curve, è stata una gara da riposo domenicale. Il merito o il demerito, secondo il punto di vista, è comunque di Hamilton al pari di una Mercedes dominatrice, con un carico aerodinamico incredibile sulla parte anteriore tanto da soffrire (per la stessa velocità?) un’usura delle gomme maggiori rispetto a tutte le altre nella seconda parte del Gp. Tranne cataclismi, ritiri in successioni ed altrettanti successi rivali, il mondiale è sempre più nelle mani di Hamilton anche in mancanza della competitività del compagno di squadra, lontano dai ritmi di cui era stato capace negli anni precedenti Nico Rosberg. Incredibile come nell’ultimo giro con gomme usurate, abbia quasi ottenuto lo stesso tempo di Vettel che nel frattempo, aveva effettuato appositamente il secondo pit-stop per realizzare il giro migliore in gara ed ottenere il punto extra con la gomma nuova. Otto successi in otto gare, meglio di loro solamente la McLaren dell’88. La Ferrari ottiene il podio con un grande Leclerc, preciso, sicuro e determinato, capace di attaccare negli ultimi metri della corsa il secondo posto di Bottas, sicuramente con un giro in più c’è l’avrebbe fatta. Opaca la prestazione di Vettel, le cui vicende post-Canada non possono essere una giustificazione per un pilota che ricordiamolo, è pur sempre un quattro volte campione del mondo. La classifica piloti dice di Hamilton a +36pt da Bottas e +76pt da Vettel, quella costruttori di una Mercedes a + 140pt sulla Ferrari. Prestazioni ma soprattutto numeri eloquenti, di cui rimangono ancor meno delle briciole alla RedBull, aggrappata alle prestazioni di

Verstappen (10° Gasly) che nella sua maturazione, raccoglie e massimizza quanto possibile. Tra le buone notizie, c’è sicuramente la prestazione della McLaren che dopo una clamorosa terza fila in qualifica, ottiene la sesta e nona posizione rispettivamente con Sainz e Norris, lasciando presagire un motivo d’interesse nel prosieguo del campionato. I progressi sono testimoniati dal significativo miglioramento dei tempi registrati rispetto all’anno scorso proprio sul circuito di Le Castellet, con Norris che in qualifica ha abbassato il tempo di circa 3.5”, il migliore rispetto a tutti gli altri team. La battaglia al quarto posto, coinvolgerà fino al termine del campionato anche la Renault, a punti solo con Hulkenberg (8°) data la penalità di dieci secondi inflitta nel post-gara a Ricciardo (passato da 7° a 11°) per i concitati momenti all’ultimo giro, ovvero cinque secondi per il rientro in pista che ha costretto Norris ad allargare la traiettoria ed ulteriori cinque secondi per il sorpasso su Raikkonen avvenuto all’esterno del tracciato. Non muovono la classifica sia Racing Point che Toro Rosso (Kvyat partito ultimo per la sostituzione della power-unit), mentre respira l’Alfa Romeo dopo tre gare a secco con l’ottavo posto di Raikkonen. Continua il momento negativo delle Haas (Grosjean unico ritirato della gara), che da tre gare vive un’involuzione delle prestazioni. Non cambia la situazione della Williams, dove è sicuramente da elogiare il lavoro di tecnici, piloti e sponsor, uniti nell’intendo di uscire al più presto da questa situazione. Il problema è la difficoltà nel recupero, perché nel frattempo anche gli altri team lavorano allo stesso obiettivo ed in questo equilibrio, il campionato appare purtroppo compromesso. Immediato trasferimento a Spielberg, tra una settimana è già Gran Premio d’Austria.

CLASSIFICA PILOTI

1. Hamilton (Mercedes)_187 pt
2. Bottas (Mercedes)_151 pt
3. Vettel (Ferrari)_111 pt
4. Verstappen (RedBull)_100 pt
5. Leclerc (Ferrari)_87 pt
6. Gasly (RedBull)_37 pt
7. Sainz (McLaren)_26 pt
8. Raikkonen (Alfa Romeo)_19 pt
9. Ricciardo (Renault)_16 pt
10. Hulkenberg (Renault)_16 pt
11. Magnussen (Haas)_14 pt
12. Norris (McLaren)_12 pt
13. Perez (Racing Point)_13 pt
14. Kvyat (Toro Rosso)_10 pt
15. Albon (Toro Rosso)_7 pt
16. Stroll (Racing Point)_6 pt
17. Grosjean (Haas)_2 pt

CLASSIFICA COSTRUTTORI

  1. Mercedes_338 pt
  2. Ferrari_198 pt
  3. RedBull_137 pt
  4. McLaren_40 pt
  5. Renault_32 pt
  6. Racing Point_19 pt
  7. Toro Rosso_17 pt
  8. Alfa Romeo_17 pt
  9. Haas_16 pt
  10. Williams_0 pt







Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie