F1 ’19: super Leclerc super

F

Ci sono i piloti ed i fuoriclasse come Leclerc, che vince a Monza mandando in estasi il pubblico italiano. Mercedes sul podio, Vettel fuori dalla top-ten.

In una gara al cardiopalma, tirata dall’inizio alla fine, vince Leclerc, abile a respingere gli attacchi delle Mercedes che per tutta la gara non hanno lasciato respiro al monegasco. Male Vettel in testa coda nella fase iniziale, fuori dalla zona punti.
La cronaca della gara, che vedeva partire Leclerc dalla pole in prima fila con Hamilton, dietro Bottas e Vettel, seguiti da Ricciardo ed Hulkenberg. Sarà ricordato il finale della qualifica, con i piloti che ammucchiati nell’out lap dell’ultimo tentativo, volendo prendere l’uno la scia dell’altro e contemporaneamente senza voler favorire chi stava dietro (nei lunghi rettilinei di Monza la scia vale quattro decimi), hanno rallentato al punto di far scadere il tempo utile, non riuscendo ad effettuare l’ultimo decisivo giro.
Al via Leclerc è subito affiancato da Hamilton ma tiene la testa, dietro Bottas insidia il britannico mentre Vettel subisce il sorpasso di Hulkenberg e si riprende subito la posizione di partenza.
Al giro n. 7 il colpo di scena: Vettel autonomamente va in testa coda alla variante Ascari, rientrando viene a contatto con Stroll (finisce sulla ghiaia anche Gasly) danneggiando l’ala anteriore, effettua il pit-stop e riparte dal fondo. La manovra di rientro in pista viene sanzionata con uno stop/go di 10sec., che sconta al giro n.12. Conduce Leclerc, Mercedes vicine.

Pit-stop per Hamilton (gomma media) al giro n. 20, box per Leclerc (gomma dura) in quello successivo, ed al rientro i due sono vicinissimi.
È duello vero, si gira al limite come in qualifica, Leclerc resiste all’attacco di Hamilton (giro n.23), pit-stop Bottas (gomma media) al giro n. 28.
Tra i giri 29 e 31 c’è il tempo per due virtual safety-car (ritiri di Sainz e Kvyat). Sempre incollato Hamilton ma nel dritto la Ferrari è veloce, Leclerc si difende. Al giro n.36 prima sbavatura di Leclerc, che va dritto alla prima curva, intanto Bottas recupera; i primi tre nel giro n. 42 sono racchiusi in 2.5 sec. Hamilton al limite va dritto (sempre alla prima curva), perde la seconda posizione ai danni di Bottas che diventa il duellante di Leclerc. Cuore in gola: al giro n.49 Leclerc ha 1.6 sec. su Bottas, 6.2 sec. su Hamilton che, accusando il degrado delle gomme, effettua il secondo pit-stop. È una guerra di nervi, pubblico in apnea, ultimo giro con Bottas negli specchietti ma per Leclerc è vera gloria; a Monza nove anni dopo suona l’inno di Mameli.
La top-ten: 1.Leclerc (Ferrari) _ 2.Hamilton (Mercedes) _ 3.Bottas (Mercedes) _ 4. Ricciardo (Renault) _ 5. Hulkenberg (Renault) _ 6.Albon (RedBull) _ 7.Perez (Racing Point) _ 8.Verstappen (RedBull) _ 9.Giovinazzi (AlfaRomeo) _ 10.Norris (Mclaren).
Giro più veloce di Hamilton che si aggiudica il punto aggiuntivo.

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie