F1 ’21: anteprima Montecarlo

F

Dopo l’assenza forzata nel passato campionato dovuto ai fatti della pandemia, torna l’apputamento più glamour in calendario, pur senza le manifestazioni e la folla delle edizioni precedenti.

Inizialmente non era scontata la conferma del Gran Premio di Monaco, considerata la collocazione in pieno centro urbano ed i relativi problemi di contatto e vicinanza al momento limitati per i noti fatti della pandemia, oltre alla mancanza di pubblico ed ai restringimenti sul fronte sanitario che limitano fortemente il lato economico dell’evento.
Ma la voglia era tanta e tale di non vedere nuovamente cancellato l’appuntamento, che gli organizzatori hanno pensato di concentrare il Gran Premio Storico e quello della Formula 1 in un insolito quanto ristretto arco temporale.
Praticamente una costante nella storia della Formula 1, il Gran Premio di Monaco vanta ben 77 edizioni di cui 66 valevoli per il mondiale, regalando sempre gare aperte e mai scontate per la vicinanza dei guard-rail lungo il perimetro della pista, dove ogni minimo errore del pilota si paga caramente, oltre al frequente ingresso della safety-car.
Nelle ultime tre edizioni, hanno vinto tre piloti diversi, Vettel nel 2017, poi Ricciardo e Hamilton, inoltre partire dalla pole risulta fondamentale vista la quasi impossibilità di compiere sorpassi, anche in virtù dell’attuale dimensione delle monoposto, le più complesse ma soprattutto veloci probabilmente mai realizzate.
L’altra importante novità è l’apertura delle tribune per ospitare 7.500 spettatori, circa il 40% della normale capienza, spiraglio verso un progressivo ritorno alla normalità; 3.000 saranno i posti disponibili nel venerdì delle due sessioni di prove libere.
Quello di Montecarlo è un evento che rappresenta un unicum, appuntamento che spesso divide l’opinione di tifosi, appassionati o semplici spettatori della domenica sull’aspetto storico dell’evento, e la noia nella mancanza di sorpassi e azioni degne di nota.
Sicuramente affascinante il lato storico del tracciato che da sempre propone lo stesso layout seppur con qualche

variante nell’allargamento dove possibile delle vie di fuga. Da ricordare come i sorpassi siano quasi ovunque impossibili, azioni che in molti casi comportano incidenti e molto spesso l’ingresso della safety-car per rimuovere detriti e monoposto incidentate; zero margine di errore per tutti i piloti vista la vicinanza della sede stradale con le barriere.
In sintesi sono fondamentali le qualifiche, partire bene rappresenta buona parte del risultato finale anche se, come detto, una distrazione può costare carissima e l’incidente può avvenire in qualsiasi momento, e attenzione anche alle strategie del cambio gomme, in quanto ritrovarsi dietro ad una macchina da doppiare può fare perdere molto tempo.
Difficile trovare una via di mezzo, come dire che un opera di Fontana sia meno pregevole di un Rubens, certamente il Gran Premio di Monaco rappresenta una gara a sé, aspetto comunque accattivante rispetto ai tanti nuovi circuiti introdotti negli ultimi anni in un calendario sempre più globalizzato.
Il leitmotiv non può che essere il duello tra Hamilton e Verstappen, ancora una volta potrebbe essere importante l’apporto dei compagni di squadra, soprattutto in un tracciato a dir poco complicato come quello di Montecarlo.
Solito duello tra McLaren e Ferrari nel ruolo di terza forza, mentre dietro nell’esiguo margine di punti che dividono Alpine, Alpha Tauri e Aston Martin, soprattutto l’esperienza dei piloti nel tortuoso tracciato del Principato può fare la differenza.
Infine per Alfa Romeo ma soprattutto Williams e Haas, l’augurio è quello che una gara pazza possa consentire posizioni in zona punti, ricordiamo come a parità di punteggio (zero per le tre squadre), al momento la migliore o peggiore posizioni in classifica costruttori è determinata anche dal migliore dei piazzamenti nel Gran Premi fin qui disputati.

Il programma del weekend.
Giovedì 20 maggio
(I sessione di prove libere – ore 11;30)
(II sessione di prove libere – ore 15;00

Sabato 22 maggio
(III sessione di prove libere – ore 12;00)
(Qualifiche – ore 15;00)
Domenica 23 maggio
(Gara – ore 15;00)

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie