F1 ’21: MAX Verstappen

F

Nel Gran Premio dell’Austria un’altra vittoria di Verstappen che in virtù del quarto posto posto di Hamilton allunga in classifica piloti. Sul podio Bottas e Norris. Ferrari: quinto Sainz, ottavo Leclerc.

La sintesi della gara con Verstappen partito dalla pole al fianco di un sorprendente Norris, in seconda fila Perez ed Hamilton, poi Bottas e Gasly, indietro le Ferrari con Sainz decimo dopo la penalità di tre posizioni inflitta a Vettel; dodicesimo Leclerc.

Al semaforo verde scatta bene Verstappen, Norris tiene la seconda posizione ed Hamilton aggressivo su Perez, fase concitata nel mezzo del gruppo, va fuori Ocon e subito necessaria la safety-car nel corso del primo giro.
Ripartenza nel giro n.3 e ancora tanta bagarre, con Perez che tenta di superare Norris ma va largo sulla ghiaia e perde diverse posizioni, Verstappen allunga mentre Hamilton è terzo attaccato a Norris.
Al giro n.13 Verstappen ha un vantaggio di 5″4 su Norris, che tiene dietro Hamilton molto vicino ma senza avere lo spunto finale per il sorpasso, dietro le Ferrari provano a recuperare posizioni.
Finalmente Hamilton raggiunge la seconda posizione nel giro n.20, mentre Norris viene penalizzato di cinque secondi per la precedente azioni di difesa su Perez.
A circa metà gara le posizioni davanti sono cristallizzate, box al giro n.31 per Norris (che sconta la penalità) e Bottas, pit stop di Hamilton in quello successivo, Verstappen in quello dopo, c’è bagarre nella top-ten nel cambio gomme per una migliore posizione.
Bellissimo il duello tra Perez e Leclerc, col monegasco che nel corpo a corpo viene accompagnato sulla ghiaia con un contatto: penalità di cinque secondi per il pilota Red Bull.
Guida Verstappen su Hamilton che vede aumentare il divario dopo aver danneggiato sui cordoli la sua Mercedes, ma dietro si riaccende la lotta con Perez che accompagna nuovamente Leclerc sulla ghiaia per ulteriori cinque secondi di penalità.

Al giro n.52 team radio Mercedes per un ordine di scuderia invertendo le posizioni di Bottas (che passa secondo) ed Hamilton in difficoltà superato anche da Norris, immediato secondo pit-stop per Hamilton.
Altro pit-stop per Verstappen al giro n.61 che con gomma fresca fissa il giro più veloce in gara, utile per il punto aggiutivo.
Nel finale di gara le lotte più belle sono quelle tra Russell ed Alonso per la zona punti, e quella tra Ricciardo, Leclerc e Sainz per migliorare le rispettive posizioni in top-ten, con lo spagnolo della Ferrari quinto al traguardo anche in virtù della penalità di Perez.

L’ordine di arrivo:
1. Verstappen (Red Bull) – 71 giri –
2. Bottas (Mercedes) + 17″793
3. Norris (McLaren) +20″019
4. Hamilton (Mercedes) + 46″452
5. Sainz (Ferrari) + 57″144
6. Perez (Red Bull) + 57″915
7. Ricciardo (McLaren) + 1’00″395
8. Leclerc (Ferrari) + 1’01″195
9. Gasly (Alpha Tauri) + 1’01″844
10. Alonso (Alpine) + 1 giro

Fuori dalla zona punti

11. Russell (Alpha Tauri) + 1 giro
12. Tsunoda (Alpa Tauri) + 1 giro
13. Stroll (Aston Martin) + 1 giro
14. Giovinazzi (Alfa Romeo) + 1 giro
15. Latifi (Williams) + 1 giro
16. Raikkonen (Alfa Romeo)* + 1 giro
17. Vettel (Aston Martin)*
18. Schumacher (Haas) + 2 giri
19. Mazepin (Haas) + 2 giri

* incidente nell’ultimo giro

Autore

Andrea La Rosa

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea La Rosa

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie