MLB Playoff ’17: c’è solo Houston in campo, 4-0 in gara 7

M

Gli Astros volano alle World Series, dove da domani affronteranno i Los Angeles Dodgers, e lo fanno strameritatamente, dominando le ultime due partite della serie e non concedendo agli Yankees il benché minimo barlume di speranza. Dopo il 7-1 in gara 6 che aveva pareggiato i conti, in gara 7 è arrivato un altrettanto eloquente 4-0 per Houston, un parziale di 11-1 a conferma di quanto entrambe le squadre siano molto più competitive in casa che in trasferta. Il manager A.J. Hinch non ha sbagliato la scelta dei lanciatori, scovando una soluzione salomonica (Morton partente e McCullers jr rilievo lungo) che ha pagato alla grande e che potrebbe tornare buona per la finale, dove il gap con il bullpen avversario sarà ancora più largo.

Gara 7 non è mai stata in bilico, visto che già dal secondo inning Sabathia e la sua difesa hanno dovuto fare gli straordinari (vedi la presa al volo di Judge che ruba un home run a Gurriel) per tenere a zero l’attacco dei padroni di casa. Idem nel terzo, complice il solito errore difensivo di Castro, ma era chiaro che non potesse durare: il quarto attacco si apre con un solo homer di Gattis, poi una walk su McCann, un singolo di Gonzalez e un altro ancora di Reddick (che si sblocca, finalmente). Sul mound di New York subentra Kahnle, che fa battere Springer in doppio gioco e chiude l’inning, limitando il passivo sull’1-0. Nell’attacco immediatamente seguente, parte alta del quinto, arriva l’unica vera martellata degli Yankees, con Bird che batte un doppio ma viene poi eliminato a casa da Bergman, molto reattivo su una rimbalzante di Frazier. Tutti qua gli Yankees, che affondano subito dopo, con Kahnle sul mound: solo homer di Altuve, due singoli di Correa e Gurriel e infine doppio di McCann che spedisce a punto i due suddetti compagni. 4-0 e buonanotte, da lì in poi è solo accademia, con New York incapace di mordere e Houston al minimo sindacale e con la testa alle World Series.

Domani notte si inizia la finale, quindi, con i Dodgers decisamente favoriti (ma lo sarebbero stati ancor di più contro NY) che ospitano le prime due gare (ed ospiteranno poi le eventuali sesta e settima). Los Angeles dovrà dimostrare di saper gestire la grande pressione derivante dai favori del pronostico e deve vincere le due partite casalinghe d’apertura; Houston in casa si trasforma, e i Dodgers non devono mettersi in condizione di giocare con l’acqua alla gola le tre partite consecutive che si giocheranno in Texas. Gli Astros sono a un passo da un’impresa leggendaria, ma per farlo devono costruire un miracolo. Sarà Altuve contro Kershaw, Davide contro Golia, ma lì sappiamo tutti com’è andata finire.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie