MLB Playoff ’23: super Alvarez non basta agli Astros, Philly parte bene

M

I Texas Rangers vincono anche gara 2 a Houston, grazie a un primo inning da 4 punti; Alvarez guida la rimonta degli Astros con due fuoricampo, ma non basta. È iniziata anche la finale della National League, con i Phillies che grazie a un super Wheeler prendono il largo nella prima metà, resistendo poi alla rimonta dei Diamondbacks.

AMERICAN LEAGUE CHAMPIONSHIP SERIES
Houston Astros – Texas Rangers: 0-2 (0-2, 4-5)
Il disastroso inizio del partente Valdez costa carissimo agli Astros, che pur lottando non riescono a rimettere in piedi gara 2 e si ritrovano ora sotto 0-2 nella serie, con tre partite consecutive da giocare fuori casa. Pronti, via e Valdez concede subito due valide consecutive a Semien e Seager, facendo poi entrare il primo punto del match con un suo clamoroso errore di tiro per una facilissima assistenza in prima. Nello stesso attacco, arriveranno altri tre punti per i Rangers, spinti a casa dai singoli di Garcia, Garber e Lowe, per uno 0-4 che segna quasi irrimediabilmente il match. Nel secondo ci prova Alvarez a scuotere i suoi, con il solo homer dell’1-4, cui nel terzo risponde Heim, per l’1-5. Nel quarto gli Astros accorciano ancora con il solo homer di Bregman (2-5), e nel quinto hanno l’unica vera occasione di ribaltare il match: con basi piene e zero out, Eovaldi mette k Diaz e Altuve, forzando infine Bregman a una battuta da facile groundout. Houston ha il merito di non mollare; si avvicinano ancora nel sesto con un doppio di Brantley che batte a casa il punto del 3-5, e nell’ottavo arrivano a un passo dall’impresa, grazie al secondo hr di giornata di Alvarez, contro un deludente Chapman, per il 4-5. Con prima e seconda occupate e due out, Bochy ha la lucidità di togliere anzitempo Chapman, mandando sul monte il suo closer, Leclerc, che elimina facilmente McCormick e chiude senza danni anche il nono e ultimo inning. Ora la serie si sposta in casa dei Rangers, dove si ripartirà il 18.

NATIONAL LEAGUE CHAMPIONSHIP SERIES
Philadelphia PhilliesArizona Diamondbacks: 1-0 (5-3)
La finale della National League inizia rispettando il fattore campo, con una vittoria dei Phillies, forse più netta di quanto dica realmente il punteggio finale di 5-3. Arizona ha una reazione nella seconda metà della partita, ma paga a caro prezzo la pessima partenza di Gallen, che nei primi due attacchi di casa concede ben tre fuoricampo da un punto, a Schwarber e Harper nel primo ed a Castellanos nel secondo. Il punto del 4-0 Phillies arriva nel terzo inning, quando Turner batte un doppio e viene spinto a casa dalla valida di Harper, che segnerà in prima persona il 5-0 nel quinto grazie al doppio di un grande Realmuto. Fin qui, come si evince facilmente, il match è un monologo di Philadelphia, per la gioia dei fratelli Kelce in tribuna (stavolta niente Taylor Swift, però), e grazie anche alla magnifica prova di Wheeler. Il partente dei Phillies ha però un calo nel sesto, quando concede a Perdomo un fuoricampo da due punti che riaccende gli animi nel dugout dei D’Backs. Nel settimo sale in pedana Dominguez, che però rischia di mandare di traverso la serata a tutta Philadelphia: prima concede una base ball a Walker, poi commette un sanguinoso errore di tiro su un doppio gioco elementare innescato da Moreno, trovandosi con gli uomini agli angoli, un out e il potenziale punto del pareggio nel box. Ma né Gurriel né Thomas approfittano del momento, guadagnando solo il punto del 3-5 su volata di sacrificio. Lo scampato pericolo riaccende l’attenzione dei Phillies, che da lì in poi non concederanno altro agli avversari, fino all’inevitabile salvezza del closer Kimbrel. Stanotte si replica per gara 2.

Autore

Gianluca Puzzo

Aggiungi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie