NFL week 4: i Saints crollano anche a Dallas, ora è crisi vera

N

JJ-Watt_postNel weekend in cui riposavano tutte le prime della classe, vere (Seattle e Denver) o presunte (Cincinnati e Arizona), c’è stato spazio per vedere all’opera le pretendenti più ambiziose in chiave playoff, vere o presunte tali. In quest’ultima categoria stanno ormai rientrando i New Orleans Saints, da tutti (noi compresi) pronosticati con ambizioni da titolo e invece tornati bastonati anche da Dallas, per la terza sconfitta in 4 partite. L’attacco marcia abbastanza bene, soprattutto nei passaggi, ma la difesa soffre troppo contro le corse, settore del gioco in cui i Cowboys hanno spadroneggiato, riuscendo anche a fare a meno delle consuete follie di Romo. Il prossimo turno è di quelli senza appello per i Saints: in casa contro i pessimi Buccaneers, una larga vittoria è d’obbligo.

Si comincia a parlare di fine di un’era, quella di Tom Brady, in casa dei New England Patriots, spazzati via 41-14 a Kansas City dai Chiefs, trascinati dal solito Jamaal Charles ma aiutati da una difesa davvero molle. Chi invece con la difesa e lo special team ha provato addirittura a vincere la partita sono stati i Philadelphia Eagles, usciti battuti 21-26 da San Francisco. I 49ers, reduci da due sconfitte di fila, hanno dato qualche segno di ripresa, o quantomeno di maggior lucidità, affidando la palla in attacco a Frank Gore, un po’ in disparte nelle prime uscite. Domenica i californiani ospitano proprio i Chiefs, una sfida spartiacque per le ambizioni di entrambe.

Ambizioni ridimensionate, per il momento, sono quelle dei Carolina Panthers, umiliati 38-10 a Baltimora dai Ravens, tornati finalmente a far notizia per le vittorie più che per altre, meno allegre questioni. Il loro record dice 3-1 e domenica la trasferta a Indianapolis contro i Colts di Andrew Luck sarà un test decisivo. Stesso, positivo record anche per gli Houston Texans, che in casa regolano di misura, 23-17, i Buffalo Bills grazie alla consueta, terrificante prova difensiva di JJ Watt (nella foto) e alla coraggiosa e lucida partita di Ryan Fitzpatrick in attacco. Uno dei qb più anziani della lega, Fitzpatrick sta sfruttando al meglio la sua prima vera occasione da protagonista dopo anni di grigio gregariato. Forza Fitz!
San Diego passeggia 33-14 sui Jaguars, salendo anche lei 3-1, così come i Detroit Lions, che oltre a battere i modesti Jets, vantano ora la miglior difesa della NFL, solitamente una delle basi più importanti per ambire ai playoff.

Il prossimo turno vede in programma due partite importanti e attese con molta curiosità anche dal sottoscritto. Le due uniche squadre ancora imbattute, Arizona e Cincinnati, sono entrambe in trasferta, la prima a Denver e la seconda vicino Boston, sul campo dei Patriots. Il vero esame di maturità tocca ai Cardinals: se uscissero imbattuti anche dallo scontro con Peyton Manning il loro campionato potrebbe davvero prendere pieghe inattese. I Bengals sono invece chiamati a certificare la loro maturità e la fine dell’era Brady; tutto questo in caso di vittoria, ovviamente, sulla quale però proprio Brady avrà certamente da ridire.

Autore

Gianluca Puzzo

Un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Che sta accadendo? E’ normale ricambio di forze o si tratta di qualcosa di diverso? In quest’ultimo caso volevo sapere se, secondo te, sono stati commessi errori e quali. Grazie.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie