Playoff NFL al via: per Packers e Chargers un miracolo di Wild Card

P

NFL_playoffs_postSi è conclusa ieri, con fuochi d’artificio degni dell’imminente Capodanno, la regular season NFL. Diciassette turni infuocati per decretare i seguenti assiomi:

  • Denver e Seattle sono le due squadre da battere;
  • Peyton Manning (comunque vada a finire) entra nell’Olimpo dei più grandi qb di tutti i tempi, con il duplice record stagionale di 55 td-pass e 5.477 yard lanciate;
  • i Carolina Panthers e i Kansas City Chiefs sono le sorprese dell’anno;
  • i Washington Redskins sono la delusione stagionale, infine. Partiti con concrete ambizioni di Superbowl, hanno chiuso con un “tragico” bilancio di 3 vittorie e 13 sconfitte. Il primo a pagare è stato subito coach Shanahan, ma servirà ben altro per risollevare la squadra della capitale.

Andiamo ora ad analizzare (e perché no, a prevedere) il tabellone dei playoff, partendo ovviamente dalle Wild Card che andranno in scena sabato e domenica prossimi.

AFC: a Indianapolis i Colts, vincitori della South Division, ospitano i Chiefs, passati in una sola stagione dal record di 2-14 a 11-5, incredibile. Le due squadre hanno lo stesso record, ma i Colts hanno dalla loro ben tre fattori: il campo, il talento di Luck e un finale in crescendo (4 vinte nelle ultime 5), al contrario dei Chiefs (2 sconfitte consecutive). Quindi dico Colts.

A Cincinnati arriva una delle qualificate a sorpresa dell’ultimo turno, i San Diego Chargers (addirittura terzi nella AFC West). Una grande impresa, quella dei californiani, ma mi riesce difficile immaginare come il loro cammino possa proseguire oltre questa partita. I Bengals sono più esplosivi, più lanciati (5 vinte delle ultime 6) e giocano in casa… quindi dico Bengals.

Nel caso in cui i miei pronostici fossero giusti, i Colts andrebbero a giocare una partita a dir poco impari nella tana dei Denver Broncos, mentre i Bengals si ritroverebbero ad affrontare i New England Patriots.

NFC: da questa parte del tabellone si consumano le due partite, a mio parere, più interessanti e incerte del primo turno. New Orleans va a Philadelphia senza troppe certezze se non quella, inossidabile, di Drew Brees: Johnny Graham ha qualche acciacco di troppo, la difesa ha perso un linebacker importante come Vaccaro. Dall’altra parte, invece, ci sono gli Eagles, certamente meno esperti ma carichi d’entusiasmo, grazie al momento d’oro dei due uomini-chiave dell’attacco, LeSean McCoy e Nick Foles. Pronostico difficile, ma in una partita dentro-fuori come questa credo che il cuore leonino di Brees possa ancora fare la differenza, quindi dico Saints.

Infine, la sorpresa più clamorosa dell’ultimo turno regolare: l’incredibile favola dei Green Bay Packers. Fuori dai playoff fino a una settimana fa, con il proprio faro (Aaron Rodgers) infortunato a una vertebra del collo e con la prospettiva di chiudere al terzo posto la North Division, in sette giorni i Packers hanno compiuto uno di quei miracoli di cui è piena la loro storia, da Vince Lombardi in poi. Rodgers è tornato e Green Bay ha sbancato il Soldier Field di Chicago nello scontro diretto con i Bears, vincendo la Division ed agguantando la Wild Card, addirittura con il vantaggio del campo. E’ paradossale che i Packers (record 8 vinte, 7 perse e 1 pareggiata) giochino in casa contro una squadra come i 49ers (12-4), ma San Francisco, pur con quel record, è arrivata seconda dietro Seattle nella NFC West, mentre i Packers hanno vinto la North… dura lex, sed lex. Tornando alla partita, qui il pronostico è davvero complicato. I Packers avranno dalla loro il Lambeau Field, la capacità di giocare in quel catino ghiacciato, l’entusiasmo che sempre accompagna le imprese agguantate all’ultimo secondo. I numeri, però, dicono San Francisco: 6 vittorie consecutive, la terza miglior difesa del campionato, un attacco che, pur tra le consuete amnesie di Kaepernick, ha recuperato tutta la sua inarrivabile linea di ricevitori (Davis, Boldin e Crabtree) e, ultimo ma non ultimo, un kicker come Dawson, capace di centrare i pali anche da oltre metà campo. E allora, sperando di non essere ingannato dal mio stesso cuore, dico 49ers, con molta sofferenza ma 49ers.

Nel caso i miei pronostici si rivelassero inopinatamente giusti, San Francisco volerà a Charlotte per affrontare i Panthers, mentre i Saints andranno a Seattle contro i formidabili Seahawks. Ma questa, come si dice, è tutta un’altra storia.

ps: forza Schumi, volevo scrivere un post sui tuoi anni alla Ferrari, vedi di non farmelo diventare un “coccodrillo”.

ppss: buon 2014 a tutti.

Autore

Gianluca Puzzo

3 commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie