Playoff NHL: a Est salta tutto, ora gli Hawks hanno il titolo in mano

P

Subban_postIl secondo turno dei playoff NHL ha regalato quattro serie lunghe ed appassionanti e, in più, ha spostato verso la Western Conference tutti gli equilibri della corsa alla Stanley Cup. A Est, infatti, sono cadute le due teste di serie, Pittsburgh e la favoritissima Boston, entrambe a gara 7 ed entrambe dopo essere state in vantaggio per 3 partite a 2.

I Montreal Canadiens, dopo il 4-0 rifilato a Tampa Bay al primo turno, si sono presi il lusso di mandare in vacanza la squadra che in regular season aveva tritato tutti gli avversari, i Boston Bruins, nonché finalista della scorsa Stanley Cup. I canadesi hanno giocato una serie tutta cuore e grinta, ma questi ingredienti non sarebbero comunque bastati senza due stelle che hanno letteralmente trascinato i compagni: Carey Price tra i pali e P.K. Subban, difensore di colore (nella foto) capace di segnare 4 reti (con 3 assist) contro la difesa meno battuta di tutta la NHL. Anche i Bruins ci hanno messo del loro, naturalmente, con un attacco poco incisivo, qualche incertezza del portiere Rask (fatale quella sul secondo gol canadese in gara 7) e brutte distrazioni da parte delle seconde linee difensive. Malgrado questo, i Bruins sono riusciti ad avere due match point, trovandosi avanti 3-2 nella serie, ma sono stati sbaragliati 4-0 in gara 6 a Montreal e hanno finito per buttare via l’intera stagione sul proprio ghiaccio di casa, uscendo battuti 3-1 nella partita conclusiva.

A proposito di “buttar via”, i Pittsburgh Penguins possono tenere lezioni in materia, dopo aver gettato alle ortiche una serie in cui conducevano 3-1, con due match ball da giocare in casa; da lì in poi, però, i New York Rangers hanno preso a giocare alla grande (10 gol a 3 nelle ultime tre partite), mentre i Penguins si sono seduti. I Rangers hanno dominato le gare 5 e 6, e compiuto il capolavoro finale vincendo gara 7 in trasferta, una specialità in cui sono ormai maestri. Ancora una volta strepitoso, tra i pali, Henrik Lundqvist, mentre in attacco Derick Brassard è esploso mettendo a segno 4 gol. Ai Penguins non è bastata la grande prestazione di Malkin (3 gol e 4 assist), mentre Crosby è rimasto il grande assente di questi playoff, purtroppo per Pittsburgh.
La finale della Eastern Conference, quindi, mette di fronte Canadiens e Rangers in una serie già iniziata la notte scorsa, con gara 1 vinta agevolmente (7-2) da New York sul ghiaccio canadese. Per Montreal, ora, c’è il problema di riacquistare grinta e concentrazione dopo l’ubriacatura di emozioni seguita alla vittoria su Boston, mentre i Rangers sembrano essere già pronti. Come pronostico, dico New York in finale per 4-2.

Nessuna particolare sorpresa, invece, a Ovest: non può essere considerata tale, infatti, la vittoria dei Kings in 7 gare su Anaheim. Los Angeles aveva rimontato da 0-3 al primo turno contro San Jose vincendo quattro partite di fila, logico quindi che proseguisse di slancio, vincendo anche le prime due con Anaheim. I Ducks sono stati bravi e orgogliosi nell’andare a prendersi le successive tre (due delle quali a L.A.), portandosi avanti 3-2 nella serie. Le loro energie, però, erano al lumicino e hanno scommesso tutto su gara 6, perdendola 2-1. La serie è sostanzialmente finita lì, visto che in gara 7, pur davanti al loro pubblico, i Ducks non sono mai stati in partita: troppo stanchi loro e troppo assatanati gli avversari per un 6-2 fin troppo pesante da digerire per Anaheim. Chi, come il sottoscritto, aveva inquadrato Los Angeles come una squadra difensiva, in questi playoff dovrà ricredersi: 21 gol fatti nella serie contro San Jose e 19 contro Anaheim sono i numeri di una squadra in grande salute. Inarrestabile Marian Gaborik, autore di 6 reti e 4 assist, strepitoso (e fortunato con i pali) nei momenti caldi Jonathan Quick. I Ducks escono comunque soddisfatti della loro stagione, ma dovranno fare i conti con il ritiro di Selanne, leggendario giocatore finlandese.
Ed eccoci infine a quelli che, stante il terremoto a Est, diventano ora i grandi favoriti per il titolo (il bis, nel loro caso): i Chicago Blackhawks. Ai campioni in carica è bastato sfruttare al meglio il fattore campo per avere sempre in pugno la serie contro i Minnesota Wild, bravi comunque a dare due lezioni di hockey agli Hawks nelle gare 3 e 4, vinte rispettivamente 4-0 e 4-2. Chicago sta ritrovando strada facendo tutti i suoi campioni e sarà difficilissimo per L.A. batterla nella finale della Western Conference, tanto più che gli Hawks avranno anche qui il fattore campo a loro favore. Prevedo Chicago ancora in finale, con una vittoria piuttosto netta, 4-1.

Autore

Gianluca Puzzo

Un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • …a questo punto.. il mio tifo si sposta su new york.. il mio pronostico su chicago.. le mie paure (da tifoso leaf) su Montreal…

Gianluca Puzzo

Segui Sport One

Tag più frequenti

Categorie